Via Chiantigiana

Un itinerario imperdibile per i veri appassionati di buon vino e ottimo cibo deve sicuramente prevedere un passaggio dalla Via Chiantigiana che unisce Firenze a Siena. Aspetto rustico, borghi, antiche abbazie e case contadine la contraddistinguono, mentre scorre nel cuore delle colline che custodiscono il famoso vino Chianti. Il “Chianti” definisce proprio la zona vinicola collinare tra Firenze e Siena, il suo nome ha origine dal termine etrusco “clante” (acqua), di cui il luogo abbonda, favorendo la crescita delle uve. Tutto nacque dal territorio degli attuali comuni di Castellina, Radda e Gaiole che vennero organizzati nella Lega del Chianti, rappresentata dal famoso Gallo Nero, oggi emblema del Consorzio del Chianti Classico. A partire dal Settecento la zona si allargò sempre più sulla spinta della crescente fama dei suoi vitigni. Nel 1932 un decreto ne sancì i confini, definendo la denominazione di Chianti Classico. Venne così riconosciuto al vino prodotto in questa zona il diritto di avvalersi della specificazione “Classico”, in quanto prodotto nella zona storica.
Abbiamo percorso la Via Chiantigiana (oggi strada regionale 222) partendo da Castellina in Chianti. Percorrere la Via è stato stupendo, i panorami che si presentano sono mozzafiato, distese infinite di colline, vitigni coltivati in luoghi incontaminati e da questo si capisce come questo vino possa essere così meraviglioso. Prende tutto il buono della sua terra sana, dell’acqua pura e dell’aria lontana dal caotico mondo cittadino (e sicuramente una vite che si gode quotidianamente un panorama così non può che crescere bella e buona). Passando per Panzano in Chianti ci siamo voluti fermare per qualche foto e poi era l’ora di un tagliere toscano! La nostra attenzione è stata subito rapita dall’ingresso di un’enoteca, l’Enoteca del Chianti Classico (di Duilio Cavacciocchi, via Chiantigiana 15).

20140710-104237-38557232.jpg

L’interno è completamente murato di vino, corridoi strettissimi, casse di vino in ogni angolo e scaffali riempiti di bottiglie fino al soffitto. Il proprietario Duilio ci ha accolti subito, è stato davvero gentile e ci ha aperto delle bottiglie spettacolari, abbiamo assaggiato dei vini consigliati da lui e continuava a riempirci il bicchiere raccontandoci tutte le storie del suo paese e dei suoi vini. Abbiamo imparato veramente tanto da Duilio, ci ha dedicato una buona ora per farci conoscere ed apprezzare il meglio del suo territorio. Ovviamente abbiamo svaligiato il negozio (tra cui anche un Brunello di Montalcino), anche se ad oggi ci è rimasto solo questo.

20140710-102445-37485024.jpg

Duilio è stato poi così carino da scortarci personalmente con il suo furgoncino in un ristorante lì vicino consigliato da lui, “Cantinetta Sassolini” (piazza Ricasoli) e anche lì abbiamo fatto razzie…

Grazie Toscana e Toscani per tutto quello che ci regalate!!!

20140710-103156-37916118.jpg

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...